CONTRARRE L'INFLUENZA POTREBBE AUMENTARE IL RISCHIO DI INFARTO

29-01-2018
Ammalarsi di influenza aumenta di sei volte il rischio di infarto soprattutto nella popolazione over 65 anni.
A queste conclusioni è giunto uno studio condotto da un gruppo di ricercatori canadesi, pubblicato in questi giorni su il New England Journal of Medicine.
Sono stati analizzati i dati dei laboratori e degli ospedali e nello specifico oltre 20.000 test positivi al virus dell'influenza e ad altri tipi di virus tra il 2009 e il 2014.
 
Sono stati identificati 332 pazienti ricoverati a causa di un attacco cardiaco un anno prima e dopo la diagnosi di influenza. Si è scoperto che 20 di questi pazienti avevano avuto l'evento cardiaco entro una settimana dall'aver contratto l'influenza. Il 75% di questi pazienti avevano un'età di 65 anni e oltre, mentre il 25% aveva già avuto in evento in precedenza.
Lo studio rileva che il 31% dei 332 pazienti non avevano fatto la vaccinazione influenzale. L'immunizzazione contro il virus dell'influenza è consigliata per ridurre il rischio, anche se lo studio sottolinea che anche altri virus come il rinovirus e l'adenovirus hanno dimostrato una relazione con questo tipo di patologia.
Questo studio conferma cio’ che le evidenze eipdemiologiche gia’ ci dicevano ovvero una correlazione tra l’incremento della mortalità per patologie cardiache nel periodo epidemico influenzale.

Fonte: http://www.techtimes.com/articles/219660/20180126/influenza-may-increase-risk-of-heart-attack-by-six-times-study.htm
 


 

Le categorie maggiormente a rischio